Slide 7

La bottega ieri e oggi

Slide 3

A.Bianda arrotino

Slide 7

La vetrina

Slide 6

Il lavoro in bottega

Slide 1

Firenze alluvione del '66 - Esterno

Slide 2

Firenze alluvione del '66 - Interno

Slide 4

La nevicata del 1926 sul lungarno

Slide 5

I mezzi di trasporto del tempo



Nel 1820 Giuseppe Bianda acquistò un fondo in via della Vigna Nuova per esercitarvi l'arrotatura di attrezzi per l'agricoltura e l'artigianato. Successivamente fu introdotto il commercio di qualche coltello da tasca, allora usato per frugali pasti a base di pane e formaggio sul posto di lavoro. Fu solo ai primi del '900 che il pronipote del fondatore potenziò l'attività con un più vasto assortimento di articoli di produzione sia italiana che estera. Rimasto per lo più inalterato nel suo aspetto di bottega artigiana, con vetrine risalenti agli anni '30, in origine il fondo era dotato di pozzo che forniva l'acqua necessaria per il funzionamento delle mole.

Alcuni nostri marchi